+39 06/3729714  +39 3356754858  info@performasrl.it    info@biobaricaitalia.com

TRATTAMENTO DI OSSIGENAZIONE IPERBARICA E SUOI EFFETTI SULLE MALATTIE NEUROLOGICHE

TRATTAMENTO DI OSSIGENAZIONE IPERBARICA E SUOI EFFETTI SULLE MALATTIE NEUROLOGICHE

TRATTAMENTO DI OSSIGENAZIONE IPERBARICA E SUOI EFFETTI SULLE MALATTIE NEUROLOGICHE

Il trattamento di ossigenazione iperbarica (HBOT) è ampiamente usato nel trattamento delle malattie neurologiche. Questi includono lesioni traumatiche, incidenti cerebrali vascolari e disturbi metabolici neurologici associati all’età. In situazioni di lesioni e ischemia cerebrale, viene prodotto uno stato di ipossia responsabile del danno neuronale, sinapsi inefficienti e alterazioni nell’irrigazione e nella perfusione. Questi fenomeni sono dovuti all’alterazione del metabolismo e dell’attività neuronale in condizioni di ipossia. L’obiettivo delle terapie nell’ischemia cerebrale è quello di recuperare il tessuto normale, che è a rischio di subire danni irreversibili a causa della privazione di O2 e della conseguente alterazione energetica e metabolica. Pertanto, le misure terapeutiche si concentrano sul miglioramento del flusso sanguigno e sulla preservazione della funzione cellulare. In questo contesto, l’HBOT gioca un ruolo importante nella protezione neuronale durante le situazioni ischemiche, attraverso l’azione dell’iperossia, riducendo la liposintesi in situazioni di ischemia e processi di ischemia-riperfusione. L’HBOT può ridurre lo stato infiammatorio e l’edema cerebrale, favorire la riparazione degli assoni e stimolare la loro crescita, diminuire la gravità dell’ictus e mantenere l’integrità della barriera emato-encefalica. Favorisce inoltre la ridistribuzione del flusso sanguigno cerebrale, alleviando la pressione intracranica e i suoi sintomi. Attenua i deficit motori, diminuisce i rischi delle sequele e previene i disturbi circolatori cerebrali ricorrenti, migliorando la sopravvivenza dopo un trauma neurologico. L’HBOT accelera la regressione delle lesioni aterosclerotiche e promuove le difese antiossidanti. Nei pazienti con sclerosi multipla, l’HBOT migliora l’ossigenazione nelle aree interessate, tra le arterie cerebrali, caratterizzata da una diminuzione della pO2 locale e allevia i sintomi modulando la risposta immunitaria. Nel trattamento dell’emicrania, HBOT produce vasocostrizione, riduce significativamente la pressione intracranica, allevia attacchi acuti di emicrania, riduce e previene il mal di testa. L’HBOT esercita la sua azione analgesica e antinfiammatoria attraverso l’azione vasocostrittrice, neuromodulatoria (agonista della serotonina) e immunomodulatore (risposta alla sostanza P) di O2. È stato studiato in diversi studi l’effetto della HBO sul cervello danneggiato e si è scoperto che inibisce la morte neuronale e ferma la progressione della necrosi neurologica indotta dalle radiazioni. Inoltre, migliora il flusso sanguigno nelle regioni affette da malattie neurologiche croniche e il metabolismo aerobico nelle lesioni cerebrali, accelerando la risoluzione dei sintomi clinici. È stato anche osservato che l’HBOT accelera il recupero neurologico dopo una lesione del midollo spinale, migliorando la funzione mitocondriale nella corteccia motoria e nel midollo spinale, invertendo l’ipossia e riducendo l’edema. In sintesi, l’HBOT viene utilizzato come trattamento adiuvante in neurologia per ridurre l’edema, ricostituire l’irrigazione e la perfusione, ridurre tremori e rigidità e migliorare il recupero neuronale e la qualità della vita. I risultati della terapia HBO nel trattamento di pazienti con ictus, aterosclerosi, pressione intracranica, mal di testa e lesioni cerebrali e del midollo spinale sono promettenti e meritano ulteriori indagini.

Continuando la navigazione in questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Approfondisci

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Chiudi